Il mio sogno? trovare l'anima della corsa.. e della vita.

venerdì 19 settembre 2008

La musica aumenta le prestazioni?

Ciao, vi espongo subito quello che ho da dire:
l'altra notte parlavo con un amico del fatto se la musica desse qualche piccola prestazione in più oppure fosse solo qualcosa che viene usata per dare la voglia di correre. In altre parole io penso che usata qualche volta sia anche motivazionale e possa fornire un minimo di carica momentanea. Credo anche che non mi darebbe nessun aiuto per tentare il mio record sui 4km o sui 10km.
Personalmente però mentre corro non ho mai provato per questi motivi:

1) non sento le macchine ed in generale quello che succede intorno a me;
2) dopo un mi stanco di avere tutto quel rumore dentro le orecchie anche se sono le mie musiche preferite;
3) ad un certo livello di concentrazione non riuscirei comunque a sentirla perchè sono occupato a dare il massimo (dovrei aumentare il volume per far si che la musica non sia un fastidioso contorno..e se alzo il volume mi dà fastidio perchè mi rovina i timpani);
4) credo che anche in un lungo non ti porti a correre in maniera omogenea ma potrebbe farti sforzare troppo con relativo calo nel finale;
5) per quanto sudo non credo che qualsiasi apparecchio elettronico duri abbastanza;
6) in estate darebbe fastidio in ogni caso e in generale non sopporterei il filo addosso neanche in inverno;

Sicuramente son convinto che durante il nostro pezzo preferito avremmo voglia di fare uno bello scatto..e poi? A volte ho usato la musica per fare pesi o esercizi in velocità..sicuramente l'allenamento è stato piacevole e mi son sentito come un personaggio dei manga ma poi mi sono ritrovato esaurito e probabilmente avrei ottenuto le stesse prestazioni. Inoltre son convinto che quelle prestazioni sarebbero state più "sane", cioè più sentite. Per spiegarmi meglio faccio un'esempio: quando dovevo fare lavori di forza resistenza con la bici andavo in una salita e pedalavo con una frequenza bassa e rapporto lungo cercando di percepire il movimento e la contrazione muscolare. Con una Irene Grandi o dei Linkin Park in testa son sicuro che la mia pedalata non sarebbe stata uniforme e avrei tirato troppo nelle prime ripetute, nella falsa idea che in quel momento il mio corpo avesse di più.
Un'altra cosa che mi piacerebbe sapere se trovassi degli studi da leggere, sarebbe:
ma una volta che qualcuno si allena col supporto musicale potrebbe avere una piccola dipendenza?
nel senso, potrebbe perdere quella piccola forza di volontà che si acquista piano piano con l'allenamento normale. Sentiremmo sempre il bisogno della musica oppure non differenza? Io son sicuro che sono dipendente dai miei pensieri, dal sentire ogni passo al suolo e le vibrazioni su tutto il corpo, a volte quando corro ho anche dei momenti di vuoto in cui il tempo passa diversamente. Di certo quando soffro, anche 30'' sono un'enormità, ma sicuramente se soffri anche i Queen speri che finiscano presto la canzone perchè vuol dire che sono passati 5' minuti ed hai fatto un km.
Cambiando discorso, in cyclette l'ho usata e mi rompeva letteralmente le scatole dopo 30 '. Infatti trovavo più piacevole pedalare in una stanza in silenzio e darmi una giusta frequenza con i miei pensieri che seguire la variabilità delle diverse melodie. Una cosa positiva l'ho trovata solo prima di un'allenamento: quando ascolti musica ti dai una sorta di sveglia, come un riscaldamento o un caffè, ma in generale non penso che la musica aiuti nei nostri allenamenti.
P.S. tutto è partito da un'articolo che avevo letto sul sito di Orlando Pizzolato su Paula Radcliffe, dove si parlava oltre che dei suoi bagni nel ghiaccio anche della playlist prima della gara.

8 commenti:

Gianluca Rigon ha detto...

Ciao,
io ho cominciato a correre con la musica e mi dicevo: "senza musica non corro neanche 1 min !"
Sono arrivato così a fare la mia prima maratona con il beneamato iPod...
E adesso....è da due settimane che ho preso gusto a correre senza musica, ascoltando il mio respiro e il rumore dei miei passi. Mi sto accorgendo che così riesco a concentrarmi meglio sul ritmo che sto tenendo percependo i segnali che mi manda il mio corpo. Chissà....forse tornerò a correre ancora con la musica, magari in qualche lungo solitario ma per il momento questo nuovo corso mi piace e mi fa apprezzare ancora di più la corsa !
Ciao !

GIAN CARLO ha detto...

Ciao, io ogni tanto ci riprovo(ad usare l'ipod)ma il fatto che lo uso solo una volta su 50 la dice lunga su cosa preferisco.
Poi per arrivare al parco da casa mia devo fare 1km trafficato e se hai la musica sparata è anche pericoloso non sentire clacson o sirene.Non penso neanche che possa migliorarti su una prestazione massimale

Mathias ha detto...

A me si rompevano sempre gli auricolari, così capitava che sentissi la musica solo da un lato..che fastidio!
Questo quando l'ascoltavo nei lunghi, ora è veramente tanto che non ascolto più nulla. Mi piacerebbe riprovarla dovessi rifare uscite lente lunghe ed in solitaria.. credo che possa servire per tenersi compagnia, per surrogare la mancanza di compagni di corsa. Però dai, non credo alla musica come doping..

Claudio ha detto...

Per me è un compagno irrinunciabile. Corro il 99% delle volte da solo e mi aiuta a concentrarmi; alcune canzoni mi porterebbero a correre più forte, ma normalmente evito di farmi portare dalla musica. Il respiro lo sento lo stesso e quanto alle auto... corro dentro un parco :-)
(Però "All nightmare Long" dei Metallica mi fa andare a mille!)

Danirunner ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Danirunner ha detto...

Il battito delle scarpe sul terreno, il respiro del mio corpo, l'aria nelle orecchie e il rincorrersi dei pensieri, sono i strumenti della più bella sinfonia che possa ascoltare mentre corro:)))

Francarun ha detto...

Anch'io prima che i miei amici cominciassero a correre con me , mettevo le cuffie a tutto foo nelle orecchie e partivo a suon di musica, ma sinceramente non mi ha mai fatto andare più forte di quello che potrei....ora corro in compagnia ed è sicuramente meglio !
Ansi non faccio altro che parlare con la Cri, son peggio di una radio !

maratona nel cuore e ... ha detto...

Anche io personalmente preferisco non avere musica alle orecchie, anche se sui lunghi lenti mi aiuta a far passare il tempo.
Di fatto la federazione di Atletica americana mi pare gia' ha dal 2007 ha vietato l'uso di Ipod per le maratone. Mi piace questa decisone non tanto per l'aspetto doping - che non so valutare - quanto perl'aspetto sociale: correre in mezzo a tante persone con auricolari alle orecchie mi sembra rendere la corsa uno sport molto antisociale.